Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Accademia della Pace
Partono i progetti di Accademia della Pace - (non solo bullismo nelle scuole italiane)

In queste ultime settimane i mezzi di informazione a livello nazionale e locale hanno parlato molto di scuola, per esecrare (giustamente) episodi di bullismo, per lamentare (altrettanto giustamente) la fatiscenza di alcune strutture o per raccontare con toni pruriginosi (e quindi meno giustamente) baci scambiati fra aule e corridoi.
Eppure la scuola non è solo questo, per fortuna. C’è anche qualcos’altro di cui si potrebbe parlare!

Per il secondo anno consecutivo, anche quest’anno numerosi Istituti Superiori della Provincia di Milano hanno aderito all’iniziativa dell’Accademia della Pace -patrocinata dall’assessore all’Istruzione e all’edilizia scolastica Barzaghi-  presentando progetti didattici che hanno come finalità l’educazione alla pace.
E anche quest’anno varie Associazioni umanitarie e culturali, tra le quali la nostra, hanno  dato la loro disponibilità ad affiancare le scuole che ne facessero domanda per collaborare alla realizzazione dei progetti con la loro specifica esperienza.

In altra parte di questo sito * troverete un bilancio di ciò che è stato fatto da Megachip all’interno dell’Accademia della Pace nell’anno scolastico 2005-2006. La stessa rubrica ci proponiamo di aggiornare man mano che i laboratori avviati quest’anno prenderanno forma e produrranno materiali o iniziative sul territorio.

Notiamo che nel bando dell’assessore che ripropone l’iniziativa vi è, quest’anno, un’importante novità: la richiesta fatta a tutte le scuole di coinvolgere gli studenti nei progetti fin dalle primissime fasi della loro preparazione, indicando per ogni scuola almeno due docenti e due studenti come referenti dell’Accademia.
Educare alla pace significa anche educare a superare quelle forme di pensiero che la cultura della violenza, della sopraffazione, della negazione dei diritti altrui, dell’egoismo istilla quotidianamente nei giovani attraverso i suoi canali privilegiati: certo cinema e quasi tutta la cosiddetta “tivu dello svago”.
Siamo convinti che tra i meriti dell’Accademia della Pace ci sia anche la possibilità che offre alle scuole, agli insegnanti, alle famiglie e innanzitutto agli studenti di formarsi una coscienza diversa, civile e democratica. Per questo siamo disposti a contribuire con tutte le nostre forze al successo delle sue iniziative.

Daniele Nozzoli

Link
http://www.lombardia.megachip.info/vis_cont.php?id_art=821

di Daniele Nozzoli - 21 Novembre 06