Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Da leggere insieme
James Peck intervista Noam Chomsky - Gli anni della formazione
Sul finire degli anni 80, James Peck fece una lunga intervista a Noam Chomsky, intervista che, a partire da oggi, proponiamo alla lettura. Dall'intervista - di grande interesse -, pubblicata nel volume Linguaggio e Liberta' ‚ nella collana Net, a cura di Marco Tropea editore, che raccoglie i piu' importanti scritti di Chomsky - emergono la biografia e il pensiero dell'intellettuale† considerato il piu' famoso e autorevole dei nostri tempi. Partendo da domande che indagano gli anni della scuola e gli strumenti della formazione, James Peck†suscita il†racconto di Chomsky,† che dice di se con straordinaria vivezza e ricchezza di spunti. Intitoleremo ogni brano della intervista in relazione all'argomento in essa trattato, e la proporremo per intero in pubblicazioni successive, data la sua lunghezza. Speriamo di incontrare il vostro interesse nel proporvela: pur datata, essa rimane certamente uno dei documenti che meglio illustrano la personalita'† di Noam Chomsky. - James Peck intervista Noam Chomsky Gli anni della formazione Lei ha accennato raramente, nei suoi scritti, alle esperienze che l'hanno condotta alle scelte politiche che ha fatto, anche se, mi sembra, tali esperienze possono essere state formate e profondamente influenzate dal suo passato. :No. Non ci ho mai pensato molto Per farle un esempio, sono rimasto colpito dalla rarita'† dei suoi riferimenti alla letteratura, alla cultura, intesa come lotta volta alla ricerca, attraverso mezzi artistici, di forme di vita alternative; di rado lei nomina un romanzo che l'abbia influenzata. Perche'? Insomma, ci sono state opere letterarie che abbiano davvero influito su di lei? : Certo che ci sono state, ma e' vero che di rado tratto di questi argomenti. Non scrivo di me stesso, e temi simili non mi sembrano pertinenti ai problemi di cui mi occupo. Vi sono cose che hanno risonanza in me quando le leggo, ma mi sembra che i miei sentimenti e le mie posizioni si siano in gran parte formati prima che mi interessassi di letteratura. Anzi, ho sempre resistito, di proposito, alla tentazione di lasciare che la letteratura influenzasse le mie posizioni e convinzioni riguardo alla societa'† e alla storia. Una volta lei ha detto: Non e' improbabile che la letteratura possa permetterci di penetrare in quella che talvolta viene chiamata la persona umana nella sua interezzaĚ assai piu' profondamente di quanto non possano consentirci tutte le speculazioni scientifiche immaginabili‚ : Questo √® assolutamente vero e ne sono convinto. Anzi, mi spingerei sino a dire che non solo e' probabile, ma quasi certo. E tuttavia, se voglio comprendere, poniamo, la Cina e la sua rivoluzione, devo esser cauto con le descrizioni di tipo letterario. Badi, non c'ež dubbio che da bambino, leggendo libri di argomento cinese, ne trassi una forte impressione: penso a Rickshaw Boy, per esempio. Una forte impresssione, ripeto. Fu tanto tempo fa e non ricordo nulla del libro in se', ma ho ancora viva l'impressione che ne ricevetti. E non dubito che per quanto mi riguarda, come e' il caso di chiunque altro, gran parte delle mie capacita'† di percezione fu accresciuta e mutata dalla letteratura, o meglio dalle letterature: lžebraica, la russa e cosi' via. Ma alla lunga si deve affrontare il mondo nella sua realta'† sulla base di altre fonti di informazione che si possono meglio apprezzare e valutare. Le opere letterarie possono esaltare l'immaginazione, stimolare l'intuito e potenziare le capacita'† di comprensione, ma certamente non forniscono prove e dati che occorrono per trarre conclusioni e per convalidarle. :Ma possono avere importanza nel sensibilizzare un individuo a campi dell'esistenza che altrimenti sarebbero ignorati. : Sa, le persone sono diverse tra loro, come e' giusto che sia, anche per il tipo di stimoli che mette la loro mente all'opera. Mi sembra un po' reticente a questo proposito. : Be',, sono reticente perche'non mi sembra di poter stabilire stretti collegamenti tra la mia opera e la letteratura. Posso ricordare cose che ho letto e che hanno prodotto un effetto formidabile sul mio spirito, ma francamente non saprei dire se abbiano cambiato il mio modo di capire e i miei atteggiamenti in misura significativa. Che scuole ha frequentato da bambino? : Mi mandarono fin dall'infanzia, dall'eta'† di due anni e fino alla fine delle primarie, intorno ai dodici anni, a una scuola sperimentale di indirizzo progressista. Poi sono stato iscritto a una secondaria normale, dirmo ĚaccademicaĚ, il cui scopo era la preparazione dei ragazzi all'universit√†. A New York? : A Filadelfia. Quelle esperienze, sia alla primaria sperimentale sia alla secondaria accademica, una scuola del tutto elitaria, sono state molto istruttive per me. Ad esempio, fu soltanto alle superiori che seppi di essere uno studente bravo. Il problema non si era mai posto, prima. Restai molto sorpreso quando, a scuola, scoprii che prendevo il voto piu' alto in ogni compito scritto o interrogazione, cosa cui si attribuiva grande importanza. Fino ad allora, non mi era mai capitato di pensarci. In realta'†, ogni allievo nella scuola che avevo frequentato in precedenza veniva considerato, per un verso o per l'altro, un ottimo allievo. Fra gli scolari non c'era concorrenza, non c'erano graduatorie. Non ci si pensava nemmeno. Non mi era mai venuto in mente di domandarmi come si potesse essere giudicati in relazione agli altri allievi. Insomma, in quella particolare scuola, che a mio parere era molto buona e che stando alla mia esperienza seguiva sostanzialmente gli indirizzi pedagogici di Dewey, ciož che veniva tenuto in maggior conto era la creativita'†, non nel senso di imbrattare un foglio di carta da disegno con questo o quel colore, ma di dedicarsi con profitto al tipo di lavoro manuale o intellettuale a cui si era piu' interessati. Ecco, venivano incoraggiati gli interessi, i bambini erano spronati ad averne e a coltivarli. I piccoli allievi lavoravano da soli o con qualche compagno. C'era un'atmosfera vivace, c'era la sensazione che tutti quanti facessimo qualcosa di importante. †Non che fossimo un gruppo di individui selezionati. In quella scuola c'era una normale mescolanza: qualche allievo superdotato, e altri con qualche problema, ragazzi che erano stati espulsi dalla scuola pubblica. Eppure, almeno da bambino questa era la mia impressione ammesso che vi fosse competizione, era solo con noi stessi. Che cosa riesco a fare? era la domanda che ci ponevamo. Ma non ne nascevano tensioni, e certamente non si stabiliva un ordine gerarchico. Cosa molto diversa da cio' che noto nei miei figli, i quali hanno imparato subito chi nella loro classe era bravo‚ e chi tonto, chi era nella categoria superiore e chi in quella inferiore. Per loro era un argomento importante.†Be', come ho detto dopo le primarie andai a un istituto pubblico e orientato accademicamenteĚ, che godeva ottima fama, ma che a me procuro' una serie di traumi. Il primo, fu appunto quello di scoprire che ero uno studente bravo, cosa cui non avevo mai pensato. E mi trovai immerso nel sistema delle classifiche di valore e di prestigio che era appannaggio di tale condizione. Ricordo la forte rivalita' e l'irregimentazione. Ma tirate le somme, mentre ricordo un sacco di cose delle mie scuole primarie e del lavoro e dello studio che vi facevo, praticamente della secondaria non ricordo nulla. C'e' nella mia memoria un vuoto assoluto al riguardo, salvo il clima emozionale, che era assolutamente negativo. †Se ripenso a quella mia esperienza, vi trovo un buco nero. Ma cosi la scuola nella maggioranza dei casi. Un periodo di irregimentazione, di controllo che in parte comporta un indottrinamento vero e proprio che inculca nel discente un sistema di falsi valori e convinzioni.Ma piu' di tutto nuoce, a mio avviso, la maniera, gli strumenti con cui si impedisce e si blocca la possibilita' di pensare in modo creativo e indipendente; nuoce l'imposizione di gerarchie† e della competizione, la necessita'† di eccellere, non nel senso di fare il meglio che puoi, ma di far meglio del tuo compagno di banco. C'e'differenza tra scuola e scuola, naturalmente, ma credo che questi aspetti negativi siano comuni alla maggior parte degli istituti educativi. E io so che non sono necessari perche', per fare un esempio, la scuola cui andai da bambino era del tutto diversa. †Credo che le scuole potrebbero essere indirizzate e gestite in modo assai differente. Sarebbe importante, ma in realta'† non penso che una societa'† fondata su istituzioni gerarchiche e autoritarie tollererebbe a lungo un sistema scolastico simile.† Come hanno fatto notare Sam Bowles e Herb Gintis, potrebbe essere tollerato per l'elite, in quanto i suoi membri devono imparare a pensare e a creare autonomamente. Ma non per la massa della popolazione. Vi sono ruoli che la svuola svolge nella societa'† che possono essere altamente distruttivi. - a seguire: Gli anni della formazione universitaria
A cura di gea - 18 Settembre 06