Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Da leggere insieme
Sotto la notizia niente. Capitolo primo: TIMISOARA - par. 1
a Ilaria Alpi, giornalista ("la rivoluzione in tv, al contrario della guerra, non viene bene"-John Kenneth Galbraith) Timisoara Come avvenne realmente il massacro di Timisoara, il piU' spaventoso del secondo dopoguerra del Ventesimo secolo, sara'  difficile raccontare, perche' in realta'  quel massacro non ebbe luogo. E' possibile tuttavia fornire tutti i particolari della notizia sul massacro di Timisoara; poiche' essa esistette realmente, e quindi puo' essere fedelmente ricostruita e ritrasmessa ai posteri, secondo spirito di veria'' . Quale sia poi la differenza tra l'uno - il massacro -, e l'altra - la notizia - E' precisamente il tema di questo libro. Tutto comincio' esattamente con il racconto di un anonimo cittadino del mondo, di nazionalita' cecoslovacca, e quindi definito cittadino cecoslovacco domenica 17 dicembre 1989. Le telescriventi collegate con l'agenzia di stampa ungherese Mti trasmisero, quel giorno, un dispaccio in cui si affermava che, secondo quanto riferito da un viaggiatore cecoslovacco, colpi di arma da fuoco sarebbero stati sparati a Timisoara.¯ In quella stessa serata, la televisione di Stato ungherese, agevolmente captata a Vienna, rilancio' la notizia, stavolta senza far riferimento all'anonimo viaggiatore. Disse lo speaker: Una grande manifestazione si sarebbe svolta a Timisoara per impedire la deportazione del pastore protestante Toekes. Ambedue le notizie erano vere. Una manifestazione si era effettivamente svolta a Timisoara, citta'  romena a una quarantina di chilometri dalla frontiera, per difendere il pastore protestante Lazlo Toekes, minacciato d'arresto dalla polizia del dittatore Ceausescu, in quanto strenuo assertore dei diritti della minoranza ungherese; ed effettivamente c'erano stati degli scontri tra i poliziotti e i dimostranti durante i quali i primi avevano sparato contro la folla.. La cosa era avvenuta, in realta' , non la domenica, ma il venerdi' precedente, 15 dicembre. Questa nostra ricostruzione riguarda pero' non i fatti, ma la notizia, ed e' quindi corretto collocare la data d'inizio dell'evento, destinato a divenire mondiale, al giorno 17. La domenica sera nel mondo, per ragioni del tutto comprensibili, le redazioni dei giornali, siano essi televisivi o della carta stampata lavorano in numero ridotto, e di malavoglia. Alcune, addirittura, sono chiuse perche' saltano il numero di lunedi'. Minore , di domenica, il flusso di notizie di agenzia, quasi nulla l'attivita' delle sedi istituzionali, difficile ottenere conferme o particolari. Prevalgono le informazioni sugli incidenti stradali e soprattutto sugli avvenimenti sportivi. Un non disprezzabile alimento alle cronache viene dagli eventi internazionali, anche se spesso non e' semplice avere sotto mano lo specialista che sappia valutarli. In quella domenica del dicembe 1989 solo la radio di Vienna, in tarda serata, ritenne opportuno riferire, con tutte le cautele del caso, degli incidenti nella cittadina romena; non la tv francese, non quella italiana, ne' alcuno dei telegiornali americani, pur favoriti dal fuso orario. l'indomani, lunedi', solo due grandi giornali europei scrissero di Timisoara: il Corriere della Sera in Italia e LeMonde in Francia: in ambedue i casi non si parlava di vittime ma di dure cariche della polizia, con numerosi arresti¯. Fu il martedi' 19 dicembre, in tutto il mondo, l'inizio vero del dramma raccontato dai grandi organi di informazione. ¯Sangue a Timisoara secondo la Washington Post¯, tra i piu' autorevoli giornali statunitensi. Le notizie erano da tutti riferite, una volta tanto, senza apprezzabili accentuazioni o tendenziosita'  legate alla posizione politica. Il quotidiano italiano collocato piu' a sinistra riporto' le inquietanti dichiarazioni di uno scrittore romeno emigrato in Jugoslavia: I morti a Timisoara sarebbero trecento, quattrocento. La cittadina romena, in realta' , era difficilmente raggiungibile. Chiuse le frontiere in entrata, difficili i collegmenti telefonci, controllate dal regime di Ceausescu le emissioni radio, erano i cittadini stranieri che attraversavano il confine verso l'Ungheria le fonti primarie dell'nformazione. Fu cosi' che alcuni compagni di sventura (e di testimonianza) del gia'  citato viaggiatore cecoslovacco fornirono al mondo i dati e i resoconti di una carneficina orrenda, destinata a rimanere nella storia. Tramite delle notizie furono, prevalentemente, le agenzie di Stato dell'Europa orientale, che vivevano in quei mesi un periodo di particolare curiosita'  e liberta' , dopo gli straordinari accadimenti che avevano travolto i regimi comunisti dei rispettivi Paesi. Il 6 febbraio di quello stesso anno, in Polonia, Solidanosc, guidata da LechWalesa, aveva imposto la famosa tavola rotonda¯ al governo guidato dal generale Jaruzelski. Il 2 maggio era caduta la cortina di ferro tra Austria e Ungheria. Tra l'8 ottobre e il 9 novembre si era dissolta la Rdt: Honecker era stato travolto, l'odioso Muro di Berlino, simbolo della guerra fredda,smantellato. Infine, tra il 17 novembre e il 9 dicembre 1989, era insorta pacificamente la Cecoslovacchia, e Husak era stato deposto. Adesso, finalmente, si muoveva anche la marmorea Romania, sinora immobilizzata sotto il tallone di ferro di Ceausescu, ultimo satrapo orientale. Ma come, realmente, si muoveva? Le notizie raccolte dalle agenzie est-orientali e rilanciate (da France Presse¯ e United Press¯, dalla britannica Reuter, da Radio Free Europe¯) sul circuito internazionale dell'informazione, si facevano giorno dopo giorno, ora dopo ora, piu' drammatiche: la repressione da parte della famosa Securitate¯, la polizia politica di Ceausescu, era tremenda: il numero dei morti, anche se ancora non definitivo, impressionante. 25 cadaveri solo nell'ospedale di Timisoara, riferi' la Radio ungherese; e un medico ¯ testimonio' che erano stati assassinati trecento, quattrocento cittadini¯. Lo stesso numero ricordate?- drammaticamente denunciato dallo scrittore romenoā. Chi dei due, ci si sarebbepotuto chiedere, aveva informato l'altro? s e g u e
Link
http://www.lombardia.megachip.info/vis_cont.php?id_art=31

A cura della Redazione - 03 Luglio 06