Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Milano e Lombardia
Marciapiedi a Milano
Due notizie – diverse e simili - si intrecciano oggi nella cronaca di Milano. Probabilmente ogni giorno ci sono notizie simili tra loro e ci stiamo poco attenti; queste due suscitano particolarmente l’attenzione e stimolano forse una riflessione. Una notizia riferisce che in piazzale delle Milizie cinque giovani – quattro uomini e una donna – senza fissa dimora – si sono affrontati violentemente, per un posto sul marciapiede. La lite è degenerata con l’uso di corpi contundenti e c’è un ferito. I cinque sono stati arrestati. L’altra notizia riferisce che i vigili hanno cominciato a dare un gran numero di multe alle moto parcheggiate sui marciapiedi in centro Milano. I commercianti hanno denunciato questa sosta selvaggia. Qualsiasi milanese che sia stato almeno una volta in piazza San Babila, Corso Matteotti, piazza Meda e via Hoepli – ma non solo, - però questo è il Quadrilatero della moda e fa notizia - si ricorderà senz’altro del panorama di moto che coprono i marciapiedi: che sono posteggiate davanti alle vetrine, sotto i portici. I centauri protestano: non ci sono abbastanza posteggi per noi. Il fatto è che “circolanti a Milano” dicono vigili ci sono 356.000 moto: “È come se tutti i cittadini di Firenze, ogni giorno, cercassero a Milano un parcheggio libero per la moto”. La riflessione cui accennavo la lascio a chi legge. Io minimo che posso dire è che non ho potuto fare a meno di associare mentalmente le due notizie.
di germana pisa - 04 Luglio 11