Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Novembre 2017
D L M M G V S
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Il documento
Cristo non si è fermato a Coccaglio


"White Christmas" e "mani pulite", altrimenti facciamo fuori il tuo Dio!

Natale, un'espressione alla quale viene collegata la nascita di Gesù Cristo.
Natale, un'espressione alla quale vengono collegati l'amore e la carità.
Natale è però un'espressione alla quale oggi deve essere collegata anche la persecuzione e la disperazione.

"White Christmas" dovrebbe essere il desiderio di una nevicata, di poter stare in una casa calda con la propria famiglia, di riflettere sulla propria religione e scambiarsi in pace regali e desideri.

Gesù, che con sua madre e Giuseppe dovettero cercare un rifugio.
Gesù che riuscì a sfuggire a coloro che volevano la sua morte.
Gesù ci insegna: "Ama il tuo prossimo come te stesso" e "tutto quello che avete fatto al più piccolo fra voi, l'avete fatto anche a me".
È evidente quanto queste esortazioni siano difficili da mettere in atto.

Gesù, un uomo, un profeta, un santo, un rivoluzionario, e per i cristiani l'incarnazione di Dio, colui che ci ama, che è pronto ad aiutarci nella nostra vita terrena e che sta accanto a noi in ogni bisogno, fino alla morte. Non si interessò forse degli schiavi, dei poveri, dei malati, dei “senza-diritti”, ovvero dei clandestini?
Gesù, un uomo preoccupato per gli altri. Lui diede speranze. Lui offrì conforto.

"White Christmas" vuole essere un Natale senza schiavi moderni che lavorano a cottimo nelle fabbriche italiane per stipendi stracciati?
"White Christmas" vuole essere un Natale senza poveri e disoccupati?
"White Christmas" vuole essere un Natale libero dai “senza-diritti”?
"White Christmas" vuole essere un Natale senza clandestini e senza stranieri?
Se è così, non c'è dubbio: sarà un Natale senza Gesù, senza quel Dio cristiano che in prima persona fu costretto alla fuga e che infine venne "eliminato" quando diventò scomodo a chi allora deteneva il potere.

Un Natale senza Gesù e le sue esortazioni d'amore verso il prossimo. Ma un Natale di "mani pulite": noi non c'entriamo niente!
Molte persone pensano di essere dei Ponzio Pilato. Non vedono piu' i nessi. Noi ci laviamo le mani con uno spirito d'innocenza, anche quando facciamo fuori il nostro Dio.
"Cristo non si è fermato a Coccaglio"!

Dr. Yahya Hassen Bajwa
Baden / Schweiz

 

 

Link
http://blog.libero.it/Antilega/8180427.html

di Yahya Hassen Bajwa - 26 Dicembre 09