Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Novembre 2017
D L M M G V S
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Ambiente
Un non accordo piccolo piccolo
Due settimane di incontri di governanti, migliaia di euro di spese per migliaia di delegati, Copenhagen blindata e lo spiegamento di forze per la repressione ormai consueta delle manifestazioni di coloro che chiedono a gran voce di fare qualcosa di serio per la Terra: tutto questo ha partorito un accordo piccolo piccolo e non vincolante.
Certo, entro il 31 gennaio ognuno dei Paesi che hanno partecipato al grande summit di Copenhagen dovrà presentare il compitino in cui starà scritto quanto sarà disposto a fare, quante emissioni ridurre eccetera, ma sembrerebbe prudente da parte nostra – visti i comportamenti fin qui tenuti -  non farci eccessive illusioni su quei propositi.

Grande delusione da Obama e certamente anche di Obama, che non si è recato a Copenhagen forte di un voto del Senato americano che autorizzasse una sua Legge per l’Ambiente e che probabilmente non ha voluto così – forzando in concessioni all’Ambiente – precludersi ulteriormente il raggiungimento di quel voto al Senato.
Almeno questa è una spiegazione che ho sentito dai media.

Si dice anche che il risultato aprirebbe troppo deludente perché troppo forti erano le attese: si poteva pensare in effetti che – vista la gravità dello stato di salute del Pianeta – i Grandi questa volta avrebbero dato prova di saggezza e superato ogni divisione o remora o interesse singolo nella consapevolezza della posta in gioco per la sopravvivenza di noi tutti.

Cosi’ non è: e un giorno i nostri discendenti additeranno Copenhagen 2009 come una delle ultime – forse l’ultima – possibilità di salvezza che non fu colta.
Chiedo perdono - consapevole della inutilità anche di questo...- a quelli che saranno i miei discendenti a nome di quegli insani presunti Grandi.
di germana pisa - 19 Dicembre 09