Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
A botta calda
Un giorno, si spera...
Un giorno – si spera non troppo in là – ci chiederemo o i nostri figli si chiederanno e racconteranno come sia stato possibile che nell’anno 2009 quotidianamente ingoiassimo le intemperanze di un presidente del Consiglio oltretutto indagato per mafia, solo per dirne uno di capi di imputazione.

Ripenseremo all’atmosfera di tensione, a volte surreale in cui avevamo vissuto, che non ci stupivamo più apparentemente che i giornali ogni giorno riportassero le contumelie del cosiddetto premier a questo o quello e le minacce, invece che riportare i provvedimenti discussi in Parlamento nel gioco delle parti di Maggioranza e Opposizione.

Ci chiederemo come mai avevamo apparentemente assorbito (rassegnati?) Il fatto che la opposizione lanciasse solo flebili lamenti di fronte alle grida del premier di cui sopra...
.
di gea - 11 Dicembre 09