Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Stampa italiana
Il Paese delle emergenze e delle consulenze

"Persone scelte per i compiti più svariati, come "diffondere la cultura" o "curare l'immagine visiva" dell'organo nato nell'82. A botte di stipendi da 100 mila euro l'anno

Protezione civile, la consulenza è d'oro
di Paola Pentimella Testa

A selezionare i collaboratori è Bertolaso in persona, senza l'obbligo di passare dai concorsi pubblici.

La Protezione civile dell'era Bertolaso si serve di centinaia di consulenti ed esperti che ogni anno costano alle cassepubbliche svariati milioni di euro. Tutte persone che aloro volta aiutano il capo della Protezione a gestire un fiume di denaro che viene utilizzato solo in parte per la prevenzione e laprevisione delle calamità, vocazione naturale dell'organo nato 27 anni fa per volontà dell'allora ministro Zamberletti. Di fatto, oggi, la Protezione civile è un grande ente appaltatore. Basta infatti un'ordinanza e le risorse stanziate dal governo vengono gestite dal capo della Protezione civile ancheper appalti a trattativaprivata. O appunto per l'assunzionedi consulenti ecollaboratori che non hanno bisogno di passare dai concorsi pubblici.

Missioni molto speciali

I consulenti, i collaboratori, insomma ilpersonale anchecon contrati brevi è scelto da Bertolaso in persona. Nel lungo elenco - sull'ordine di centinaia esistono persone assunte con le qualifiche più bizzarre:"consulente in strategie e tecnichedell'informazione, di immagine e divulgazione della cultura di protezione civile", che guadagnano 104.000 euro l'anno. O chi, per 80.000 euro l'anno ha il compito di "coadiuvare il Capo del Dipartimento nelle attività collegateall'iter parlamentare dei provvedimenti legislativi (...)"Per non parlare di chi viene assunto a 74.000 euro l'anno come "consulente per le attività di comunicazione visiva, è suo compito comunicare attraverso le immagini" Comunicare attraverso le immagini? Poi ci sono quelli che hanno compiti particolari: dall'emergenza precipitazioni in Fiuli Venezia Giulia, all'emergenza Pantelleria (quale?); passando dall'emergenza Stromboli e dalla "commissione generale d'indirizzo Campionati del mondo di ciclismo su strada 2008". Tutte persone che in cambio ricevono dai 24.000 ai 30.000 euro all'anno, per eventi che in realtà si verificano per pochi giorni.

Tra i collaboratori, un nome risulta su tutti: Angelo Canale. Come vice procuratore generale della Corte dei conti per il Lazio mise sotto inchiesta l'ex capo della Protezione civile, Franco Barberi, per le irregolarità nella gestione dei fondi pubblici nello scandalo della "Missione Arcobaleno".

Cifre da capogiro

Se si dà un'occhiata al bilancio 2009, si scopre che la Protezione civile ha messo in conto spese per 1.486.574.961 euro. Di questi, per "emolumenti accessori"al personale interno e distaccato,, per "gettoni di presenza", stipendi e assegni per il personale assunto con contratti "privati" in conseguenza delle ordinanze, si stacca un assegno da 9.153.000 di euro. Poca cosa, rispetto al miliardo e mezzo speso complessivamente. Ma se si guarda meglio la voce "pagamento dell'ammortamento di mutui contratti dalle Regioni per affrontare eventi calamitosi" che vale 1,1 miliardi, ci si accorge che comprende, sì, soldi per gestire le calamità, i grandi eventi. Ma anche le "spese straordinarie" di personale. A partire da quelle che incassano i 400 uomini del Di.Co.Mac, la Direzione di comando e controllo che dal 6 aprile sta gestendo il dopo terremoto in Abruzzo. Dunque, un funzionario di terza area della Protezione civile, fascia retributiva F5, guadagna 42.000 euro l'anno, oltre 3000 euro al mese.
Ma se va in missione all'Aquila, prende subito, tra indennità e alloggio, 193 euro lordi in più al giorno. A cui va aggiunta "una speciale indennità operativa onnicomprensiva (...) da corrispondersi al personale impiegato nei territori ove è dichiarato lo stato di emergenza e di grande evento (...) pari a 200 ore di straordinario festivo e notturno (ordinanza 3565). Per gli uomini della fascia F5, un'ora di straordinario festivo notturno vale 19 euro, che moltiplicato per 200 fa 3.848 euro. Dunque, alla fine il funzionario guadagna oltre 7.000 euro al mese, più la diaria. Poca cosa se paragonato agli stipendi dei massimi gradi della Protezione. A partire proprio da Bertolaso. Nel secondo semestre 2008, il suo guadagno è stato pari a 30.190 euro al mese. Se a questa cifra si somma "un compenso mensile lordo pari al 3,75 per cento del trattamento economico complessivo in godimento", fa un bel gruzzoletto. Che il Capo della Protezione civile intascherà fino al 2011, quando avrà assolto all'ultima organizzazione "emergenziale": il Congresso eucaristico nazionale nella città di Ancona (ordinanza n. 3673).

Articolo tratto dal quotidiano DNEWS del giorno 14 luglio 2009


segue

fonte: quotidiano DNews - Milano - 16 Luglio 09