Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
A botta calda
I vestiti...del papa

Provo simpatia per il cronista del TG3 e immagino che un folletto interiore birichino gli abbia suggerito quella ribellione al politicamente corretto delle frasi confezionate di plauso al pontefice.

Certo, quella 'voce dal sen fuggita' la paga cara.

Mi riesce difficile pensare che non prevedesse reazioni al suo suggestivo commento giornalistico e, escludendo che avesse a freddo deciso di farsi licenziare (ma potrebbe anche essere), immagino che possa avere un moto incoercibile di adesione alla verità, cosa che talora è difficile riscontrare nelle cronache giornalistiche, sempre paludate nel caso delle apparizioni del pontefice.

Lui in fondo si è comportato come fece il bambino della fiaba dei vestiti dell'imperatore, che gridò: "Ma non ha niente addosso!".

E, anche lì, lo misero a tacere.

di ciottolo - 15 Luglio 09