Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Novembre 2017
D L M M G V S
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Ambiente
Domani 31 a Report servizio su Cassinetta di Lugagnano


La popolazione mondiale delle città ha superato di gran lunga quella
delle campagne. Qualsiasi strategia economica, sociale, ambientale,
energetica deve necessariamente passare dalla città.

Cemento e asfalto continuano a divorare territorio, a volte
legalmente a volte aggirando le leggi, altre volte ancora, le leggi si
cambiano per sanare. Non ci sarebbe nulla di male se si mantenesse un
equilibrio. Così però non è, almeno a giudicare da quello che è
avvenuto negli ultimi anni.

Da Nord a Sud la situazione è sempre la stessa: la città, anche se
la popolazione non cresce o cresce di poco, si sviluppa mangiando
terreni agricoli, che se producono agricoltura o sono semplicemente
paesaggio valgono poco. Se invece si decide di costruirci sopra,
valgono di più.

E così all'improvviso la vita costa di più: case, affitti, cibo.
Alla fine della partita è la destinazione del territorio che
determina il valore della comunità che ci sta sopra.

Cosa succede per esempio quando si rompe il rapporto tra quanto
guadagniamo in stipendio o pensioni e il valore della casa dove
viviamo? Cioè quando il valore immobiliare supera quello della
comunità?

E il bene comune che fine ha fatto? Report è andata a vedere
anche come si comportano in Francia e in Germania.

Domenica 31 maggio, a partire dalle 21.15 circa su RAI 3,
Report racconta l'esperienza del nostro comune di Cassinetta
di Lugagnano (MI),
primo ente locale italiano ad aver approvato un
Piano di Gestione del Territorio a crescita zero, e che ha bloccato la
cementificazione selvaggia comune a tutti i territori del nostro
Paese.

L'Associazione dei Comuni Virtuosi premiò Cassinetta nella
categoria gestione del territorio del Premio Comuni a 5 stelle
2008, proprio in considerazione del grande significato
rivoluzionario che la scelta presa dalla giunta guidata dal
sindaco Domenico Finiguerra avrebbe segnato il panorama amministrativo
italiano!

Un grazie sincero a Michele Buono e Piero Riccardi e alla
trasmissione Report che, che al giusto compito della denuncia
affianca sempre più spesso l'abitudine dell'annunciare ciò che,
nonostante tutto, funziona e può rappresentare un'alternativa
concreta per chi amministra gli oltre 8.100 comuni in Italia.

segnalazione dal sito FabioNews - 30 Maggio 09