Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Novembre 2017
D L M M G V S
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Pandora
Crisi e diritti dei lavoratori - presentazione saggio con Manifesto Libri
Roma, 2 marzo 2009. In occasione della presentazione del libro Nord operaio. Lavoratori sindacato politica tra globalizzazione e territorialità - per Manifesto libri -, mondo operaio e sindacato si confrontano sul tema della crisi. Interviste a Loris Campetti e Aldo Tortorella sul diritto di sciopero e sul ddl recentemente varato dal Consiglio di Ministri che prevede anche la possibilita' dello ''sciopero virtuale'' nel campo dei trasporti. Roma 2 marzo http://www.pandoratv.it/index.php?q=static/video_bibli" >Crisi e diritti dei lavoratori -da Pandora - L'occasione è la presentazione di una inchiesta sul mondo del lavoro: Nord operaio edito da Manifesto libri : gli atti di un convegno tenuto a Brescia su politica e sindacato nel mondo della globalizzazione. Immediato è stato il collegamento con le ultime decisioni del governo Berlusconi sul mondo del lavoro e in particolare quelle relative al diritto di sciopero Loris Campetti :[...] questo attacco al diritto di sciopero io direi che è molto scaltro da parte del governo: come sempre c'è la costruzione della cultura  dell'emergenza, così come sullo stupro, così come sulla questione della  vita, per cui si dice: non se ne può più., con questi scioperi non se ne può più, quando invece è assolutamente falso  perchè nell'ultimo anno la quantità  di scioperi contestati nei settori controllati cioè nei pubblici servizi sono stato lo 0,7 per cento del totale degli scioperi fatti Aldo Tortorella “ Naturalmente bisogna tenere conto che noi viviamo già  in un regime , cioè nel momento in cui il presidente del Consiglio è proprietario di tutti i mezzi di comunicazione di massa, quello che diceva Loris Campetti e cioè che si trasforma in emergenza tutto quello che è conveniente per il potere attuale, per le classi dominanti è molto facile, non è soltanto la questione dello sciopero: e' un insieme di questioni che vengono al pettine nel senso di uno sforzo per comprimere la capacità  dei lavoratori di reagire poichè in questa crisi il problema sarà  come è sempre stato -  quello di gravare la mano sopra di loro E alla luce delle recenti accuse di statalismo rivolte alla amministrazione Obama  per le misure economiche messe in campo per combattere la crisi il pensiero torna alla situazione italina e alle scelte di Berlusconi e Tremonti - Aldo Tortorella Se non interviene lo stato gli Stati Uniti d'America sono alla rovina perchè si ripete la scena di tutti i depositanti che vanno alle casse e  che nelle casse non ci sono più soldi. Adesso ci sono i soldi perchè ce li ha messi lo Stato , quindi Panebianco sta farneticando secondo me, cioè quello che è successo e sta succedendo è il risultato di una crisi del sistema neoliberista che Obama ha sempre sostenuto . E' stato già  detto da molti economisti: che una cosa è cattiva distribuzione del reddito che il prodotto non riesce ad essere assorbito dai consumatori[...] Loris Campetti E' impressionante il fatto che chi dice che gli economisti non hanno capito nulla sia colui che soltanto sei mesi fa ha fatto una legge per detassare gli straordinari; questo un mese prima che esplodesse e anche se i segnali c'erano tutti la più devastante delle crisi, dove non c'è più lavoro per nessuno , dove il problema è la cassa integrazione di massa  e al di là  del giudizio - io penso tutto il male possibile sulla detassazione degli straordinari ma dà  l'idea di un uomo che invece che guidare l'economia di un Paese in un passaggio così delicato forse farebbe bene a andare in pensione e a leggere la Bibbia
trascrizione a cura di Germana Pisa - 29 Marzo 09