Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Il punto di vista
Coreografie

Noi, qui: il freddo, la neve, il biancore che ottunde, che potrebbe ottundere la mente e farla vagare in una fiaba fuori della realtà. Laggiù: il fuoco tremendo, anzi il “piombo fuso”.

I signori della guerra sentono il bisogno di sottolineare la coreografia di morte con un bel titolo ad effetto per la fruizione cinematografica  da parte del pubblico globale.
Il cinico andazzo cominciò – forse – con i proiettili traccianti sul cielo di Baghdad nel 1990, per continuare con i pozzi in fiamme e poi con il cormorano impastato di petrolio che, si saprà poi (ma quanti ancora non lo sanno?) fu preparato ad hoc in altra sede per essere inserito in un contesto non suo. E continuò con altri titoli ad effetto e coreografie).

Ma, orrore degli orrori! quel piombo fuso fonde nella carne di innocenti, laggiù a Gaza; e noi che ci stringiamo nelle spalle dal freddo, che non avvenga alziamo le spalle dicendoci, qui nel nostro tepore confortevole e innocente, che quella orribile cosa  che sta accadendo là in Palestina, in quelle carni, non ci riguarda!


 

di gea - 06 Gennaio 09