Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Informanews
Alcune disposizioni della Ue a Europol
Nel sito di Zeus si commenta uno dei compiti di Europol Il piano quinquennale di potenziamento dell'Europol al fine di contrastare il crimine in Internet nasconde un lato che, se non è oscuro, desta almeno qualche preoccupazione. Tra i compiti principali dell'ufficio di polizia europeo, infatti, vi è la lotta alla pedopornografia: secondo l'Unione Europea "la metà di tutti i crimini perpetrati via Internet coinvolge la produzione, la distribuzione e la vendita di materiale pedopornografico". Colpire questo tipo di criminali è dunque considerata una priorità. Fin qui andrebbe più che bene. Il problema è che tra i mezzi a disposizione dell'Europol per porre fine al fenomeno (secondo quanto denunciato dal sito inglese The Register e come si può leggere chiaramente in questa nota) ci sarebbero delle "perquisizioni da remoto" sui dischi rigidi dei sospettati. In pratica gli agenti sarebbero autorizzati a compiere vere e proprie azioni da hacker (o come amano dire gli amanti dei biscottini, cracker) per raccogliere le prove dei crimini degli utenti. Le forze di polizia sarebbero quindi autorizzate a tentare di installare dei trojan sui Pc dei sospettati. Tutto questo, raccomanda il Consiglio dei ministri europeo, dovrà avvenire nel rispetto delle regole già esistenti e in particolare le leggi sulla privacy vigenti nei vari Paesi. Ammesso che questi paletti vengano mantenuti, come al solito ci saranno quelli che diranno di non avere nulla da nascondere; ma dovremmo tutti domandarci se sia lecito consentire tali libertà alle forze di polizia, con la scusa di voler combattere un crimine certamente odioso come è la pedofilia. I criminali più incalliti saranno probabilmente ben attenti a usare tutte le misure di sicurezza necessarie, compresa la conservazione del materiale incriminato su un sicuro e irraggiungibile disco esterno. A farne le spese saranno gli innocenti che saranno indagati e trojanizzati.
Link
http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=8854

a cura di gea - 09 Dicembre 08