Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Stampa italiana
Se governassero i pescatori - di Piero Sansonetti

Se governassero i pescatori...
Piero Sansonetti
Liberazione,30 novembre


"Dicono che i giornali si fanno solo con le cattive notizie. Ecco, oggi non è vero. Questa notizia che arriva da Mazara del Vallo, una cittadina di circa 50 mila abitanti sulla costa meridionale della Sicilia, tra Marsala e Agrigento, è una notizia splendida. Direi commovente. Tutti i particolari li potete leggere nell'articolo di Laura Eduati, qui accanto. E' una storia bellissima, di impegno civile, di coraggio e di moralità. I protagonisti sono alcune diecine di pescatori siciliani, devono essere gente abbastanza simile a quelli - catanesi - dei quali ci parlava Verga, un secolo fa. Gente forte, rude, ma dalle grandi passioni, come Pardon 'Ntoni. Grandi professionisti e maestri di vita e di civiltà.

Mi sono venute in mente tante cose, sentendo questa notizia (della quale, ho la netta impressione, non leggerete molto sugli altri giornali). Ho pensato a cosa vogliono dire politici e giornalisti quando parlano di «meritocrazia». Ho pensato a cosa intendono i benpensanti e i militaristi, i nazionalisti, quando parlano di coraggio. Ho pensato a cosa alludono i dirigenti di tutti i partiti parlamentari e la quasi totalità dei commentatori dei giornali quando parlano di sicurezza. E poi ho pensato a quale abisso di sentimento e di moralità ci sia tra il modo nel quale i pescatori di Mazara affrontano il problema dell'immigrazione clandestina, e il modo nel quale lo affronta la maggioranza degli italiani, guidati dalla Lega, e da gran parte del centrodestra e del centrosinistra.

Vediamo. Meritocrazia. E' una parola che considero "arrogante" (quasi identica, dal punto di vista etimologico, alla parola "aristocrazia", cioè il governo dei migliori, dei più meritevoli) perché presume che esista una classifica di merito che può essere compilata con criteri oggettivi. Invece questa classifica la compila il potere, cioè i potenti, cioè i presunti "meritevoli". E' meritevole Montezemolo, è meritevole Berlusconi, è meritevole Veltroni, o Fini, o Prodi [...]

 

tutto l'articolo su Liberazione

 

a cura di gea - 01 Dicembre 08