Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Novembre 2017
D L M M G V S
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
A botta calda
Sopire da un lato e fomentare dall'altro

Sopire gli entusiasmi su Obama: questa la mia impressione dall’ascolto dei primi commenti delle ore immediatamente seguenti la constatata vittoria di Obama. e  si nota questo soprattutto avendo ancora nelle  orecchie le enfasi della diretta della notte. Parlo qui della radio e  dei commenti a caldo, sia di esperti di varia estrazione e natura, sia di persone comuni che vengono invitate ad esprimersi sull’evento appena accaduto.
Solo un esempio: il tasto delle intenzioni programmatiche del nuovo presidente americano sull’incremento delle energie rinnovabili e non del nucleare è uno di quelli che sembrano suggerire neppure tanto velatamente una  serie di distinguo.  Ho tratto l'impressione, dall'ascolto dei primi commenti notturni e mattutini che si tenda a sopire quegli interventi che palesano genuino entusiasmo e speranza per la riuscita del presidente Obama.


Alziamo invece un velo pietoso - ora - per quanto riguarda le ore precedenti il voto americano,  sul posizionamento attuato da uomini della CDL: dove qualcuno ha detto  che Obama è come Berlusconi e per questo ha successo o dove Gelmini ha detto essere il suo programma sulla scuola italiana come quello di Obama.

Questo inserirsi nel cono di luce di colui che essi presentivano sarebbe diventato trionfalmente presidente non ha impedito tuttavia a questi personaggi della commedia/tragedia politica italiana di criticare immediatamente Veltroni e il PD perchè, avendo espresso soddisfazione per la vittoria di Obama, si sarebbero appropriati indebitamente della sua vittoria.

Gasparri inserisce poi un elemento foriero di ulteriore  polemica (per non dire di scandalo) - operazione quasi giornaliera da parte del governo –asserendo che Bin Laden è contento della vittoria di Obama.

Insomma,  dopo aver visto e - provato piacere per - il clima di notevole correttezza e fair play  nelle cronache americane tra i due candidati,  ricadiamo immediatamente nella depressione per le cronache nostrane...!

 

di gea - 05 Novembre 08