Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Stampa internazionale
Il piano segreto dell'Europa per incrementare la produzione di colture GM

IL PIANO SEGRETO DELL'EUROPA PER INCREMENTARE LA PRODUZIONE DI
COLTURE GM
di Geoffrey Lean

The Independent

Gordon Brown e altri leader dell'UE impegnati in una campagna per
promuovere cibi geneticamente modificati

Gordon Brown ed altri leader europei stanno preparando una campagna
segreta senza precedenti per diffondere colture e cibi GM in Gran
Bretagna e in tutto il continente, secondo quanto rivelato da documenti
confidenziali ottenuti dall'Independent on Sunday. I documenti,
verbali di una serie di incontri privati tra i rappresentanti di 27 governi --
rivelano i programmi per "accelerare" l'introduzione
delle colture e dei cibi modificati e per "far fronte" alla resistenza del
pubblico. E mostrano che i leader vogliono che "rappresentanti agricoli"
e l'"industria" -- includendo presumibilmente giganti aziende nel settore
della biotecnologia come la Monsanto - siano più espliciti per
contrapporsi agli "interessi acquisiti" degli ambientalisti.

La notizia dei piani segreti è destinata a creare una tempesta di
proteste in un momento in cui la preoccupazione popolare riguardo alla
tecnologia GM è in aumento, persino in paesi che fino ad ora l'avevano
accettata.

L'opposizione pubblica ha impedito che qualsiasi specie modificata
potesse essere coltivata in Gran Bretagna. La Francia uno dei tre paesi
ad avere coltivato specie modificate in certe quantità, ne ha sospeso
la coltivazione e negli altri due stati la Spagna e il Portogallo, la
resistenza sta aumentando rapidamente.

Sul piede di guerra l'industria biotech ha condotto una campagna di
pubbliche relazioni fondata sulla molto contestata asserzione che la
modificazione genetica è necessaria per sfamare il mondo. Ha
riscontrato qualche successo all'interno del Governo dove i ministri si sono
espressi sempre più favorevolmente riguardo alla tecnologia, e
nell'ambito della Commissione Europea, con la quale i gruppi di
pressione dell'industria hanno vantato di intrattenere"eccellenti
relazioni di lavoro".

Gli incontri segreti sono stati convocati da Jose Manuel Barroso,
presidente della Commissione e pro GM, e sono stati presieduti dal suo
capo di gabinetto Joao Vale de Almeida. Ai primi ministri di ciascuno
dei 27 stati membri dell'UE è stato chiesto di nominare un
rappresentante speciale.

Non sono stati resi pubblici né i nomi degli appartenenti al gruppo, né
gli obiettivi né i risultati degli incontri. Ma l'Independent on
Sunday ha ottenuto documenti confidenziali, compreso un elenco dei convenuti e
le conclusioni dei due incontri tenutisi fino ad ora -- il 17 luglio e
appena due settimane fa il 10 ottobre -- scritti dal presidente.

L'elenco mostra che il presidente francese Nicolas Sarkozy e il
cancelliere tedesco Angela Merkel hanno inviato degli stretti
assistenti. La Gran Bretagna è stata rappresentata da Sonia Phippard,
direttore del settore alimentare e agricolo del Department of
Environment, Food and Rural Affairs.

Le conclusioni rivelano che le discussioni sono state incentrate
prevalentemente sul come accelerare l'introduzioni delle colture
geneticamente modificate e su come persuadere il pubblico ad accettarle.

I prodotti modificati devono essere approvati dall'UE prima che
possano essere seminati o venduti in qualsiasi parte dell'Europa. Ma
sebbene i funzionari della Commissione siano generalmente nettamente a favore, i governi europei sono in disaccordo portando il Consiglio dei Ministri
in cui sono rappresentati, ad un punto di stallo. In tale eventualità i
burocrati nella Commissione li fanno procedere comunque. Hanno
legalmente il potere di farlo, ma governi scavalcati e gruppi ambientalisti non sono contenti.

Le conclusioni del primo incontro sono state di "accelerare il
processo di autorizzazione sulla base di solide valutazioni in modo da
rassicurare il pubblico" mentre nel secondo si aggiungeva che
"le decisioni possono essere prese più rapidamente senza compromettere la
sicurezza".

Ma i documenti mettono anche in luce che Barroso va oltre la semplice
esortazione cercando di indurre i primi ministri ad opporsi ai propri
ministri dell'agricoltura e dell'ambiente in favore del GM.
Riferiscono che il presidente "ha ricordato l'importanza di guardare alla
situazione generale", "ha invitato i partecipanti a riferire le
discussioni del gruppo ai loro capi di governo" e "ha sottolineato
l'importanza di portare la loro attenzione sulle discussioni in corso nel Consigli[dei Ministri]".

Helen Holder di Friends of The Earth Europa ha detto:
"L'intento di Barroso è di portare il GM in Europa il prima possibile. Quindi va
dritto dai primi ministri e dai presidenti per dirgli di passare sopra
ai loro ministri e di metterli in riga". Le conclusioni degli incontri per quanto riguarda l'opposizione pubblica sono ancora più incendiarie. I documenti ponderano su "come meglio gestire l'opinione pubblica" e chiedono "un dialogo non emotivo, basato sui fatti, sugli standard elevati della politica sul GM
dell'UE". E verbalizzano che il presidente ha messo in risalto "il ruolo
dell'industria, dei partner economici e della scienza nel
contribuire attivamente a tale dialogo". Aggiunge che "il pubblico si
sente male informato" e dice che "i rappresentanti agricoli dovrebbero
essere più espliciti". Ed in un velato accenno ai gruppi ambientalisti dice
che il dibattito "non dovrebbe essere lasciato a certi azionisti che vi
hanno un interesse legittimo ma acquisito".

Quello che dicono
"Dobbiamo sfamare altri 2,5 bilioni di persone . Sarebbe
straordinario se decidessimo di non sfruttare la più grande conquista delle scienze biologiche"
Professore Allan Buckwell

"Gli agricoltori più poveri del mondo trarranno beneficio dai
nuovi sviluppi: riso geneticamente modificato che è resistente alla siccità;
colture transgeniche con geni che proteggono dalle malattie"
Lord Dick Taverne, Sense About Science

"Le colture GM costituiscono un rischio inaccettabile per gli
agricoltori e per l'ambiente e non sono riuscite ad aumentare la
produzione nonostante i finanziamenti che sono costati milioni ai
contribuenti nel Regno Unito"
Kirtana Chandrasekaran, FoE (Friends of the Earth)

"Le colture GM non aumentano la produzione. Gli scienziati hanno
scoperto che gli insetticidi geneticamente ingegnerizzati nelle colture
possono infiltrarsi nel suolo uccidendo funghi benefici"
Peter Melchett, Soil Association

Domanda e Risposta

Quante coltivazioni GM ci sono in Europa?

Molto poche. I documenti vantano che l'area sia aumentata del 21
per cento lo scorso anno, dimostrando un "crescente interesse".
Ma continua a coprire solo lo 0.119 per cento del terreno agricolo europeo.

Quali sono i problemi?
Prevalentemente di natura ambientale. Le sperimentazioni ufficiali in
Gran Bretagna hanno dimostrato che è peggio per la fauna coltivare
specie GM rispetto alle specie convenzionali. Ancora peggiore è il
fatto che i geni fuoriescono dalle piante modificate e creano piante
infestanti superresistenti oltre a contaminare colture normali e
organiche, negando ai consumatori la scelta di essere liberi da OGM.

Sono un pericolo per la salute?
Difficile dare una risposta. Alcuni studi dicono di sì, mentre altri
(compresi quasi tutti quelli effettuati dall'industria) sono
rassicuranti. Il problema è che è stata fatta ben poca ricerca davvero
indipendente e riesaminata da altri esperti. La gran parte dei
consumatori ha concluso che è meglio non correre rischi, anche perché
non traggono alcun beneficio dall'acquisto di prodotti GM.

Possono sfamare il mondo?
Quasi certamente no. Nonostante la montatura, le attuali varietà di OGM
hanno rendimenti minori rispetto alle loro controparti tradizionali. Le
sementi sono costose da acquistare e da coltivare, quindi i ricchi
agricoltori nei paesi in via di sviluppo tenderebbero ad usarle,
mettendo quelli più poveri sul lastrico e aumentando la povertà. La più
grande valutazione delle scienze agricole che sia mai stata effettuata
- diretta dal Professor Robert Watson, ora ufficiale scientifico
principale del Defra - ha recentemente concluso che gli OGM non sono
quello che ci vuole.

Geoffrey Lean
26.10.08

Fonte: Indipendent

Link:

Traduzione per "Come donchisciotte.org di Micaela Marri

Link
www.comedonchisciotte.org

Redazione - 04 Novembre 08