Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Blob
Riforme

In dieci anni in Italia sono state fatte 4 riforme della Scuola. A chi le faceva notare questo, la ineffabile ministro Gelmini - intervistata alla radio 24 giorni fa - si è difesa dicendo che la sua non è una riforma ma “due o tre cose di buon senso”. Come il grembiule, il voto in condotta e la educazione civica, come se non significassero qualcosa di squisitamente ideologico comunque la si veda .
Questa faccenda che  ogni ministro che arriva alla direzione della Scuola in Italia rivoluzioni tuttoè scandalosa. Qui, nel caso dellaministro Gelmini, c'è una aggrtavante in più: rivoluziona tutto dopo due mesi che è al suo posto. Riflessioni, analisi? Neanche per sogno.

Nessuno ha fatto notare alla ministro la faccenda della Fondazione di cui qualche cosa intanto si può leggere qui.

Circa la educazione civica è preoccupazione del ministro che questa avvii lo studente al rispetto per l’insegnante e alle norme di buon comportamento sociale in genere e certamente può essere  saggio e il rispetto è dovuto ma a me è venuto in mente don Milani che ha fatto scrivere ai suoi ragazzi: Lettera a una professoressa . Certamente il mio è un pensiero "ideologico" ma mi piacerebbe che la ministro non negasse che anche le sue due o tre cose di buon senso lo sono maledettamente.

La ministro ha glissato velocemente alla domanda sulla sorte dei 150.000 precari quanti pare siano. Ma a botta calda, le prime ore dopo aver annunciato le sue novità, lei ebbe a dichiarare che la cosa non riguardava lei.

di ciottolo - 21 Settembre 08