Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Informanews
Solo la parola è fondativa

dal sito: finansol

Cerchiamo un'alleanza sui significati delle parole, altrimenti ogni volta si comincia da capo!
E' un lavoro difficile quello nell'economia alternativa, specie in questo brutto periodo storico. Avresti già tanto da pensare e da fare (e tanti problemi da risolvere) e in più - ogni tanto - arriva sui giornali un signor nessuno che dal niente s'inventa fondatore di chissà quale straordinaria esperienza e ti viene ad insegnare chi sei, cosa devi fare e perchè. L'ultimo in ordine di tempo (ma certo ricordate tutti che qualche settimana fa il sig. Benetton ci ha spiegato cosa fosse il microcredito) è un tal Osservatorio Finanza Etica dell'esperto Pier Emilio Gadda che ha addirittura pubblicato il "primo rapporto italiano sui fondi etici" ripreso in homepage da Repubblica.it: ne potrei citare almeno una dozzina di "primi rapporti"; ad ognuno si reagisce man mano con minor impeto, le prime volte ci si arrabbiava anche, ma ormai i comitati, gli osservatori e le fondazioni sono folkloristici.

Ci si gioca giusto l'editoriale di una newsletter per ribadire che - per quanto risulti utile ripetersi (basta che si mettan d'accordo sui numeri progressivi, perchè non posson esser tutti "primi") - le uniche condizioni che hanno dimostrato di saper resistere ai ripetuti attacchi dell'idiozia commerciale sono trasparenza e partecipazione (qualcuno ricorda il "manifesto della finanza etica"?). Il resto, spiace dirlo perchè sembra indice d'atteggiamento presuntuoso, puzza di marketing lontano un miglio. Al di la della rinomata superficialità della categoria dei giornalisti, spiace soprattutto scoprire che le richieste di chi non guadagna dalla pubblicità on-line son sempre quelle di 4/5 anni fa: un momento d'accordo sul significato delle parole, uniche sicurezze per il difficile cammino di formazione che ci aspetta "[...] Bisogna convincere le persone ad amare la complessità anziché averne paura. E tornare ad avere fiducia nella parola. Giocare /la parola incompromessa e radicale (nel senso che "va alla radice" delle cose), la parola ricaricata di senso. Giocarla contro la chiacchiera e il metadiscorso. Solo la parola è fondativa" (WuMing)


 

* - 07 Maggio 08