Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Governo notizie Elezioni
La sollecitazione al voto disgiunto in Lombardia

Con molta chiarezza si auspica - vedi box SA Repubblica ieri 9 aprile, pagine milanesi e nazionali - che, ( chi vota PD), prenda coscienza che il fatto che la Sinistra Arcobaleno raggiunga - o meno - in Lombardia la percentuale dell'8% - significa togliere o al contrario non togliere alla coalizione di Destra 3 seggi al Senato. Qui di seguito riporto lo specchietto esplicativo che prefigura due scenari possibili, nel caso del raggiungimento di questo obiettivo o del contrario. Lalegge elettorale votata a fine legislatura dal Centro Destra due anni fa aveva lo scopo dichiarato di non rendere possibile la  governabilità. Questo e' uno dei paradossi cui siamo legati e il paradosso si impone oggi di usare per chi vota PD. Si indebolisce la Destra votando Sinistra l'Arcobaleno.

Ecco ora esemplificati in due colonne i due scenari:

***

Voto disgiunto: ecco la prospettiva per la Lombardia per quanto riguarda i seggi conquistabili, e a seconda che la Sinistra Arcobaleno risulti sotto l’8% o sopra.
La Lombardia elegge il maggior numero di Senatori tra tutte le Regioni d’Italia, ben 47. (Qui si simula) due scenari possibili ricordando che entreranno nel conteggio solo le liste che avranno superato la soglia di sbarramento (pari all'8% per chi, come la Sinistra Arcobaleno, non e' in coalizione). Per l'attribuzione dei seggi, la somma dei voti di tutte le liste ammesse va divisa per il numero dei senatori da eleggere (47). Si ottiene cosi' un quoziente. Il numero di voti di ogni coalizione o singola lista va poi diviso per quel quoziente. La parte intera di questo risultato rappresenta il numero dei seggi da ssegnare a ciascuno. I seggi rimanenti fino al totale di 47 andranno a chi avra' i resti maggiori.


Ia ipotesi: Sinistra Arcobaleno sotto l’8%
Sin. Arc. - 7,9% 0 seggi
PD+ alleati - 32% 18 seggi
PDL+Lega - 50,0% 29 seggi
UDC - 6% 0 seggi
Destra - 2% 0 seggi
Altri - 2% 0 seggi
Totale 100% 47
0 senatori a Sinistra Arcobaleno
18 senatori a PD e alleati
29 senatori a PDL e Lega

II ipotesi: Sinistra Arcobaleno sopra l’8%
Sin. Arc. 8% 4 seggi
PD+Alleati 31,9% 17 seggi
PDL+Lega 50% 26 seggi
UDC 6% 0 seggi
Destra 2% 0 seggi
Altri 2% 0 seggi
Totale 100% 47
4 senatori a Sinistra Arcobaleno
17 senatori a PD e alleati
26 senatori a PDL e Lega

Qui si vede che l’ipotesi di Sin. Arcobaleno sotto il quorum dell’8% assegna sì un seggio in più al PD Ma tre seggi in più a PDL e Lega

vedi anche


a cura di germana - 10 Aprile 08