Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
L'intervista
Intervista di Erica Rodari a Dijana Pavlovic

Proponiamo una lunga intervista di Erica Rodari a Dijana Pavlovic, candidata a Milano per la Sinistra l'Arcobaleno. Nella conversazione si affrontano approfonditamente i temi legati alla situazione dei Rom e dei Sinti a Milano, e in Italia. Dijana è un'attrice ed è una Rom serba. A Erica Rodari racconta della sua venuta in Italia, un mese prima che iniziassero i bombardamenti su Belgrado, nel 1999. Poi del successivo  suo impegno su vari fronti, fino a questo recente: la candidatura alle elezioni. In allegato la intervista completa.

COSTRETTI NELL'ILLEGALITA'

Intervista a Dijana Pavlovic, candidata a Milano per la Sinistra L'Arcobaleno
(a cura di Erica Rodari)

Incomincia col dirci chi sei
*   Vengo da Belgrado e questa è una cosa importante, sono rom serba. Facevo l'attrice.

Da quanto tempo sei qui?
*   Sono arrivata nel '99, un mese prima dei bombardamenti sul Kosovo, in febbraio marzo. Ero venuta
per motivi personali perché avevo sposato un italiano. Ho incominciato a lavorare nei teatri, perché
mi ero già laureata là in facoltà di arti drammatiche e per tanto tempo non ho fatto nulla per i
rom, perché non sapevo nemmeno delle loro condizioni. La mia battaglia, in un certo senso, era
quella serba.

Ti identificavi con i serbi?
*   Certo, mio padre era al fronte, c'era la guerra, amici morti. Alle spalle avevo qualche anno di attivismo
politico là, negli anni studenteschi, opposizione a Milosevic, le proteste del '95 e '96. La protesta
dei fischietti a Belgrado è partita dalla mia università, quindi ero molto coinvolta.

Poi sei arrivata qui e cosa hai scoperto?
*   All'inizio mi interessava soprattutto la cultura rom, perché mi ero resa conto che non c'è nulla, che
nessuno conosce i testi dei poeti rom, che nessuno conosce le storie rom, forse si conosce la musica,
però in modo superficiale.

Quindi tu fino a quando sei stata a Belgrado non ti sei preoccupata tanto di essere o non essere
rom, eri serba e basta
*   Però avevo comunque dentro questa identità che porti da quando nasci, sei diversa comunque, ma questo allora non mi ha creato nessun problema. Solo piccole cose, il momento in cui scopri di essere zingara e non serba, i processi psicologici che quindi avvengono in una persona, ma discriminazioni
non ne ho mai subite: sono andata a scuola, non ho mai visto un campo nomadi prima di venire in Italia. [...]

segue in allegatoPdf

Fonte: \'Granelli di sabbia\' Puntorosso - 07 Aprile 08