Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Informazione negata
Leggere differite

30 marzo - In queste ore Atene e' blindata da 2500 poliziotti che dovranno sovraintendere ad una cerimonia con la fiamma olimpica. In queste stesse ore a Katmandu tibetani e cittadini protestavano innalzando una FIACCOLA DELL'INDIPENDENZA e sono stati brutalmente picchiato e sono stati fatti centinaia di arresti.

In queste stesse ore Karma Chopel e' in Italia ma nessun organo di stampa, dopo la sua audizione europea dei giorni scorsi e dopo che a Ginevra, alla Commissione Diritti Umani dell'Onu la Cina ha impedito col veto che si esprimesse, nessun organo di stampa italiano, ad eccezione di ANSA da' conto della conferenza stampa di questi minuti del leader tibetano in esilio, presso la sede di Radio radicale.

La Cina si prepara a parare il colpo di un'eventuale danno di immagine che potrebbe venirle da una defezione di alcuni Capi di Stato alla cerimonia inaugurale dei Giochi olimpici, trasmessa in Mondovisione, pensando ad una "leggera differita", come la chiama Pascal Petit su Internazionale: "La Cina ha chiuso tutti gli accessi[...] per non parlare di internet. Anche sulla rete il governo ha il potere di impedire l'accesso a determinati siti [...] (come e' avvenuto con la non messa in onda della contestazione alla cerimonia di accensione della fiamma olimpica, in Grecia).

Dopo questa esperienza, i dirigenti cinesi hanno pensato di mandare in leggera differita anche la cerimonia di inaugurazione e tutte le premiazioni dei Giochi olimpici. E' quello che hanno proposto a Jacques Rogge, presidente del Comitato olimpico internazionale. Se il Cio dovesse accettare  la proposta di Pechino, unica nella storia, le Olimpiadi sarebbero definitivamente compromesse. E sarebbe un vero passo indietro sulla strada della libertà e della democrazia.!

a cura di gea - 30 Marzo 08