Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Informazione negata
Divieto del Newrotz: repressione turca in Kurdistan - italiani coinvolti - comunicato stampa

Comunicato stampa dell’Associazione Ya Basta

Kurdistan Turco: sequestrata e picchiata la delegazione italiana al Newroz

Nel silenzio dei mass media i giorni del Newroz in Kurdistan sono stati segnati dalla repressione delle autorità turche

Sabato 22 marzo 2008

Arrivano notizie gravissime dal territorio del Kurdistan turco.
La repressione durissima messa in atto dalle autorità turche, sta provocando morti e feriti nel popolo kurdo, per l’assurdo divieto posto ai festeggiamenti del capodanno kurdo.
Diverse città sono messe sotto assedio e cariche pesantissime sono in atto.
La delegazione italiana, che doveva partecipare ai festeggiamenti del capodanno kurdo, la quale era stata rassicurata fino a ieri sera dall’ambasciatore italiano della possibilità di partecipazione, è stata questa mattina oggetto di repressione durissima.
Fermati, picchiati pesantemente, messe fuori uso tutte le attrezzature fotografiche, sequestrati in un autobus, poi condotti e chiusi nell’albergo Azur di Van, mentre in tutta la città sono in atto violente cariche della polizia a danno del popolo kurdo.
Non si vogliono testimoni scomodi!
Sono state allertate l’unità di crisi della Farnesina e parlamentari italiani ed europei.
Chiediamo a gran voce che le autorita’ italiane ed europee intervengano immediatamente nei confronti del governo turco per far cessare immediatamente le violenze contro i manifestanti.

La violazione continua dei piu’ elementari diritti umani che subisce il popolo kurdo, dietro l’angolo di una Europa "civile e democratica" che punta ad includere la Turchia alla comunità europea e’ inaccettabile.
Che si faccia qualcosa!
Solidarietà al popolo kurdo!

 

 

Link
http://www.globalproject.info/art-15458.html

Redazione - 24 Marzo 08