Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Stampa internazionale
'Memento' che viene da fuori

“Malgrado l’incubo aritmetico al senato, il governo Prodi si è comportato in maniera sorprendentemente buona durante i suoi 20 mesi.
L’evasione fiscale è stata drasticamente ridotta, e un deficit di bilancio pari al 4,4% delPIL, lasciatogli dal precedente governo Berlusconi è stato tagliato a circa il 2%.
Il trend ascendente del debito pubblico è stato invertito.
Benchè la crescita sia stata fiacca, la disoccupazione è al livello più basso degli ultimi 15 anni, sotto l’8%.
Benchè Berlusconi abbia portato un benvenuto grado di stabilità restando in carica per l’intera legislatura, quello è stato l’unico risultato conseguito.
Il suo governo non riuscì a realizzarealcuna rilevante riforma economica e permise alle finanze pubbliche di deteriorarsi gravemente.
La sua agenda fu dominata dai suoi interessi personali e sfruttò il controllo del suo impero mediatico.
Il suo comportamento erratico gli alienò la maggior parte dei partner europei.”

“Financial Times”, 23 gennaio 2008Memento

fonte: Giustizia e Libertà\ - 19 Febbraio 08