Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Recensioni
'Dentro la globalizzazione' - di Zygmunt Baumann
A commento del libro: Dentro la globalizzazione - Le conseguenze sulle persone di Zygmunt Baumann Globale e locale sono i due termini attorno ai quali ruota l'analisi di Baumann, nel saggio "Dentro la globalizzazione" (1989). Al primo termine si affianca il termine mobilita' e anche "liberta'† di movimento" intesa anche come di scelta";al secondo quello di "immobilita'†" e anche " limitazione della liberta' intesa anche come di scelta, di movimento. Dalla liberta' di movimento dell'individuo (o della entita') globalizzato discendono molte conseguenze dal momento che a essere 'globalizzati' e -privi di vincoli- (temporali, spaziali...) sono coloro che detengono il vero potere del mondo: i capitali, la finanza, l'economia globalizzata, il mercato...) Altro concetto che si lega a quello di -globale- e, con esso, di -mobile- e la rapidita'†, intesa come l'immediatezza" delle azioni di chi e' appunto globale, † rispetto alla -lentezza- di chi e' - locale -: nel locale il tempo e' dilatato, quanto compresso, quasi annullato nel globale. I capitali si muovono istantaneamente e il movimento dei capitali puo' determinare il destino di chi e' -locale- e/o costretto ad esserlo per sua natura. Non solo, dunque, compressione e annullamento dello spazio tempo che connotano il potere globale ma anche potere di intervento su chi e' locale. E controllo. Il potere e le possibilita'† del mercato globalizzato superano di gran lunga ogni altro potere, come quello dello Stato, espropriato della sua politica economica che e' una delle colonne su cui si fonda, o meglio, si era fondata fino ad un certo punto, la sua sovranita'†. le tre colonne su cui si regge la sovranita' (dello Stato) sono ormai spezzate. E possiamo affermare che le conseguenze maggiori vengono dalla distruzione della colonna dell'economia. Oggi gli stati-nazione non riescono piuž a far quadrare i conti quando a prevalere nella sfera della propria sovranita' sono gli esclusivi interessi della popolazione. E per questo, sempre di piu', si trasformano in esecutori e plenipotenziari di forze che non hanno nessuna speranza di controllare sul piano politico". (pag. 74†) Lo Stato - privato del suo potere fondamentale, gestire la politica economica senza vincoli e per l'interesse della popolazione -, nella impossibilita'† di dare sicurezza al cittadino per quanto riguarda le sue istanze fondamentali, come il lavoro che viene ad essere intaccato dalla flessibilita'† o peggio dalla precarieta', come il welfare che e' costantemente aborrito dai poteri della globalizzazione economica - orienta l'attenzione dei cittadini verso aspetti della 'sicurezz dei singoli individui, esasperandone l'impatto. Nel cabaret della globalizzazione, lo stato fa lo strip-tease e alla fine dello spettacolo resta con il minimo indispensabile: i suoi poteri di repressione. Una volta distrutta la sua base materiale, annullata la sua sovranita' e la sua indipendenza, cancellata la sua classe dirigente, lo stato nazione diviene un semplice servizio di sicurezza per le grandi imprese I nuovi padroni del mondo non hanno bisogno di governare direttamente. I governi sono incaricati di amministrare gli affari per loro conto (nota: Vedi Sept pieces du puzzle neaoliberal: la quatrieme guerre mondiale a commence - Le monde diplomatique, agosto 1997, p.p. 4 e 5)(nel testo di Baumann¬†a pag. 75) Nel capitolo Legge globale, ordini locali Ě Bauman ci parla del fenomeno della individuazione, molto attuale, di sempre nuove categorie di soggetti da includere nella categoria di -delinquenti- o comunque -turbatori dell'ordine , údiversi candidati al carcere ed infatti non† a caso troviamo sempre piu' carceri e carcerati nel mondo). † Di fronte a questa insicurezza esistenziale che pervade la societa'† della flessibilita'†, della precariet√†, dell'assenza di tutele, dei reiterati richiami ai pericoli globali, lo Stato, quello dello streap tease che non puo' incidere su questo tipo di insicurezza, indica, come fonti della medesima, sempre altri† e nuovi soggetti a portata di mano. da notare quanto sia interessante il soffermarsi dell'Autore sulla parola 'sicurezza' e soprattutto la' dove indaga il significato della parola nella lingua tedesca: Tenuto conto che Sicherheit serve a identificare tutte e tre le esperienze (della sicurezza personale, delle garanzie e della certezz)) contraendone il significato si rifiuta di accettare la loro reciproca autonomia la rara essenzialita' di quella lingua non si applica a questo termine: la parola tedesca Sicherheit e' la prima vittima della carriera compiuta dalla liberta'† individuale nell'era tardomoderna. E poiche' difficilmente potremmo distinguere i tre generi di difficolta'† psicologiche se non fosse per le tre parole, che fanno pensare a tre diversi soggetti semantici, c'e' poco da stupirsi se la scarsita'† di scelte prive di rischi, ossia sicure, e la crescente mancanza di chiarezza nelle regole del gioco, che rende incerta la maggior parte delle mosse, e piu' ancora il loro risultato, tendono a presentarsi proprio come una minaccia alle† condizioni di sicurezza relative in primo luogo al corpo stesso, poi ancora ai beni, i quali sono un'estensione del corpo nello spazio. † In un modo ancora piu' insicuro e incerto, siamo fortemente tentati di ritirarci in quella condizione di sicurezza che offre la territorialita'†; e cosi' la difesa del -erritorio- e'la -casa sicura - diviene la parola d'ordine che campeggia su tutte le porte che uno crede si debbano chiudere a chiave per evitare la triplice minaccia al proprio conforto spirituale e materiale Intorno alla ricerca di condizione di sicurezza si accumulano moltissime tensioni. E dove si manifestano tensioni, brillanti investitori e acuti intermediari di certo sapranno intravedere del capitale politico ( pag.128) Ridurre il problema complesso della Sichereit a quello delle condizioni di sicurezza garantite alle persone comporta anche altri vantaggi politici. il tema delle garanzie di sicurezza e' senza paragone piu' spettacolare, si presta a essere piu' osservato, piu' trattato in tv, di qualsiasi altra mossa che miri ai livelli piu' profondi del malessere, ma- per cio' stesso meno raggiungibili e apparentemente piu' astratti. La lotta al crimine, come il crimine stesso, e in particolare il crimine che riguarda il corpo e la proprieta'†, i beni, diventa uno spettacolo eccellente, eccitante, piu' di altri oggetti di osservazione. Ne sono ben consapevoli i produttori e gli sceneggiatori dei mezzi di comunicazione (pag.129) Risulta impressionante l'aumento delle carceri nel mondo e la percentuale di carcerati per abitante, soprattutto a partire dagli Stati Uniti, ma anche toccando tutti i Paesi del mondo globalizzato. Parlando delle carceri degli Stati Uniti vi e' nel libro una descrizione di quella supermoderna e ipertecnologica (a fine anni 90 e quando ancora non c'era Guantanamo di Pelican Bay, in California; questo carcere viene messo in relazione tra l'altro con il Panopticon per evidenziarne le peculiarita'† legate al tempo in cui queste sono state concepite. Del modello di carcere rappresentato dai† Panopticon si dice che: lo scopo dichiarato era di allontanare i reclusi dalla strada della perdizione sulla quale si erano avviati per riportarli su una strada che li indirizzasse a comportamenti tesi a farli rientrare nei ranghi della societa' únormale ‚] combatterne e vincerne l' - accidia - Erano i tempi dell'etica del lavoro quando il lavoro era visto come fondamento dell'etica sociale (pag.119) L'idea stessa di correzione si riduceva a mettere al lavoro i reclusi) Quando il progetto del Panopticon fu concepito la mancanza di manodopera disposta a lavorare era considerata da molti l'ostacolo principale al progresso della societa'. I primi imprenditori lamentavano che i potenziali operai non erano disposti ad adeguarsi ai ritmi del lavoro in fabbrica e correzione voleva dire, nelle circostanze, vincere la loro resistenza . Oggi si preme per smantellare l'abitudine a un lavoro permanente bisogna fare in modo che i lavoratori dimentichino, non imparino, quanto l'etica del lavoro, nei giorni epici dell'industria moderna, voleva insegnare loro (pag.120) Nel Panopticon si esploravano i limiti della resistenza umana al lavoro, cosi' come nel succitato Pelican Bay si esplorano i limiti dell'uomo recluso nella sua condizione estrema di estraniazione, immobilita', isolamento, controllo assoluto. A Pelican Bay il recluso non lavora, non ha alcun rapporto umano, vive chiuso in cella senza finestre e senza alcuna ricreazione. Propongo un brano dal libro che descrive la realta'† di questa Pelican Bay che fu magnificata all'epoca della sua costruzione negli anni 90.(vedi doc. allegato Mi sono soffermata, inevitabilmente non rendendo giustizia alla complessita'† e al fascino del libro, su† aspetti del saggio di Baumann che piu' immediatamente † richiamano i temi e gli allarmi dei nostri giorni e che hanno per questo colpito prioritariamente la mia attenzione: la sicurezza, la precarieta'†, la flessibilita'† e lo Stato dell'allarme sicurezza ; temi questi inseriti nel saggio nel contesto di una analisi condotta attraverso la presa in esame di aspetti diversi della globalizzazione e che si declinano nei capitoli: Tempo e classe Guerre spaziali: una cronaca E dopo lo stato-nazione? Turisti e vagabondi Legge globale, ordini locali...¶Sembra essere, il primato di Legge e Ordine l'inevitabile caratteristica della societa'† globalizzata. L'analisi di Baumann ci prepara a questo e non casualmente Legge globale ordini locali conclude il saggio. Nella allucinante condizione del detenuto di Pelican Bay† (e Guantanamo era di la' da venire..) gia'† alla ennesima potenza quella condizione di limite, di immobilita'†, di impotenza, di isolamento, di dilatazione del tempo, di estraneita'; caratteristiche, queste, che avevamo contrapposto alle possibilita'† di chi detiene il† potere nell'epoca della globalizzazione .Perche' i veri rifiuti della societa'† sono coloro che non possono in alcun modo adeguarsi -†o non lo vogliono -†in modo conforme ai ritmi, alle richieste e ai riti di questa globalizzazione. Che, cioe'® non sono abbastanza flessibili. - A commento del libro: Dentro la globalizzazione - Le conseguenze sulle persone di Zygmunt Baumann - Laterza 1999 - a cura di Germana Pisa
a cura di germana pisa - 06 Ottobre 07