Contatti
Home
 
         
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Settembre 2017
D L M M G V S
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Informazione negata
Birmania - diritti umani - in Belgio riaperta inchiesta su Total

Birmania - diritti umani - in Belgio riaperta inchiesta su Total

(AGI/REUTERS) - Bruxelles, 1 ott. - La magistratura belga ha riaperto una vecchia inchiesta per crimini contro l'umanita' in Birmania, che vede implicata la multinazionale francese Total per il progetto di un oleodotto. Lo ha riferito l'ufficio del procuratore federale di Bruxelles.
Nel 2005 la Suprema Corte d' Appello del Belgio aveva bloccato l'inchiesta poiche' il caso contro la multinazionale dell'energia era stato portato all'attenzione dei magistrati da quattro rifugiati birmani, che non essendo cittadini belgi non avrebbero avuto la facolta' di presentare la denuncia. "Il caso e' stato riaperto", ha dichiarato il portavoce dell'Ufficio di Bruxelles, signora Lieve Pellens, spiegando che entro la prima settimana di ottobre si decidera' se portare o meno il caso in tribunale.

I rifugiati birmani avevano fatto causa alla Total nel 2002, appellandosi a una controversa legge belga per la tutela dei diritti umani secondo la quale i tribunali del Paese possono processare persone accusate di crimini contro l'umanita' e altre atrocita' commesse ovunque nel mondo. I cittadini asiatici accusavano formalmente la compagnia petrolifera, il presidente Thierry Desmarest e l'ex capo delle operazioni in Myanmar, Herve Madeo, di complicita' con i vertici militari nel costringere gli abitanti al lavoro forzato, anche ricorrendo alla tortura, per costruire un oleodotto.

La Total, da parte sua, ha sempre negato di finanziare il regime militare in Birmania, ma ha ammesso che la giunta pagava soldati per proteggere gli impianti e i lavoratori. I lavori per la costruzione dell'oleodotto si conclusero nel 1998.

La decisione di riaprire l'inchiesta contro la Total -secondo la Federazione internazionale dei diritti umani, uno dei principali partner commerciali della giunta militare- e' stata presa dopo che il parlamento europeo ha sollecitato sanzioni contro il regime della ex Birmania. (AGI)

 

Link
http://cooperazione.agi.it/le-altre-news/notizie/200710011854-cro-rt11194-art.html
http://www.lombardia.megachip.info/vis_cont.php?id_art=739

fonte AGI/Reuters - 03 Ottobre 07