Contatti
         
 
Appuntamenti
Recensioni
A botta calda
Informazione negata
Il documento
L'intervista
Il punto di vista
Da leggere insieme
Accademia della Pace
Educazione ai media
Blob
Stampa internazionale
Lettere arte scienze
Biblioteca ideale
Lettere alla stampa
Stampa italiana
Informanews
Milano e Lombardia
ZERO il libro il film
Eventi e Segnalazioni
Governo notizie Elezioni
Canale Zero
Appelli
Pandora
Ambiente
Economia
Mondo facebook
Editoriale
Indueparole
Concertodiparole
Governo di Milano
 
Cerca

Parola chiave
Categoria
Autore
Dal
Al
 
Marzo 2017
D L M M G V S
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031
 
Arcoiris
 
Link a sito nazionale
 
Casa della cultura
 
PARTECIPA MI
 
 
Lettere arte scienze
La costruzione dell'incertezza e dell'insicurezza
Martedi, 15 Gennaio 2008

RIPROPOSTA - In questo testo, Baumann esplora "i meccanismi dell'incertezza e della insicurezza" che - evidenziati - illuminano non poco una realta'  che ci circonda e coinvolge tutti. "I meccanismi all'opera dietro la costruzione dell'incertezza e della insicurezza sono globali, restano al di la' della portata delle istituzioni politiche esistenti; soprattutto al di la'  della portata delle autorita'  statali elette. Il mondo (...) e' tenuto insieme da una serie di reti sovrapposte: rete di borse valori, di canali televisivi, di computer o di stati. Le reti sono luoghi di flusso: flusso di potere, capitali, informazione; un processo ormai essenzialmente libero da vincoli spaziali e temporali. (..) la classe politica dimostra una tendenza naturale a cercare rimedi in un ambito ......continua
Il punto di vista
Una gigantesca rete da pesca
Mercoledi, 30 Ottobre 2013
Gia' qualche anno fa un personaggio noto del giornalismo che ho avuto il piacere di conoscere diceva che bisogna cominciare a comunicare scambiandosi messaggi di carta, incontrandosi. Non parlava di contesti di spie ma di persone comuni, noi, se impegnati nel sociale, nella vita culturale, nella politica, nella comunicazione multimediale. La stima e la fiducia che riponevo in quel personaggo mi hanno portato a condividere subito quel suo pensiero, che non era - del resto - molto dissimile dal mio. Amo dire s che tutti noi - noi che partecipiamo alla vita virtuale - siamo da almeno un paio di decenni entrati volontariamente in una gigantesca "rete da pesca"...continua
 
Recensioni
'Discorso sulla decrescita' - di Maurizio Pallante
Sabato, 09 Agosto 2008
RIPROPOSTA - 'Considerare la decrescita come una condizione felice puo' sembrare una contraddizione, ma in realta'  essa indica un nuovo sistema di valori e una prospettiva economica e produttiva finalizzata allo sviluppo di tecnologie che frenino la catastrofe ambientale causata dai processi produttivi. La decrescita non e' una rinuncia, una riduzione del benessere, un ritorno al passato. Piuttosto e' una scelta consapevole, un miglioramento della qualita'  della vita, una rispettosa attenzione per il futuro. E la sobrieta'  non e'¨ solo uno stile di vita, ma una guida per la ricerca scientifica[...]Le sirene dello sviluppo cantano alle orecchie dei popoli poveri nell'interesse dei popoli ricchi......continua
 
Lettere arte scienze
Il diavolo brucia - (i cosiddetti termovalorizzatori)
Venerdi, 02 Maggio 2008
"l'attuale fase della storia umana, cioè l'era dello sviluppo industriale e dell'uso sempre più massiccio di combustibili fossili (prima carbone, poi petrolio e gas) volge al termine; per due ragioni: l'imminente esaurimento delle risorse energetiche fossili, gli effetti che i processi di combustione sempre più diffusi su tutto il pianeta, hanno sulla composizione dell'atmosfera, sul clima, sui cicli delle acque e del carbonio e sugli equilibri degli ecosistemi. Tra tutti gli impianti ecodistruttivi inventati dall'uomo, gli inceneritori di rifiuti rappresentano il simbolo forse più compiuto di una civiltà  che tende a far diventare la terra una camera a gas"......continua
 
Indueparole
le frasi che scompaiono
Domenica, 20 Ottobre 2013
C'e' una frase che non ci e' dato piu' leggere, o ascoltare da qualche mese a questa parte: "(sono) principi non negoziabili". Non sappiamo se adesso negoziabili lo sono diventati ma si preferisce non dirlo al pubblico; o se la frase e' diventata un oggetto di discussione tra pochi intimi e adepti [...]...continua